Tutto il fascino dell’ Amazzonia

Pensando all’ Amazzonia, viene in mente qualcosa di surreale, di immenso, ed estremamente avverso all’ uomo. Non avrei mai pensato nella vita di poter vivere questa parte di mondo, invece nella “selva” amazzonica, nel mio piccolo ci sono stata, ho avuto modo di parlare con la gente del posto, di visitare le loro case e di conoscere, seppur in piccola parte, le loro tradizioni e la natura circostante.

Il popolo amazzonico presenta una grande varietà di etnie e di usanze, con grandi differenze culturali all’ interno. Pensate che in tutta la foresta Amazzonica le tribù sono circa 400, ognuna parla la propria lingua, tramanda la propria cultura e gestisce il proprio territorio.

La colonizzazione e  l’ evangelizzazione prima, e più recentemente la globalizzazione rappresentano una grande sfida per mantenere e conservare le tradizioni e gli stili di vita fondamentali per la conservazione del territorio.

IMG_7118
Una casina colorata ne “pueblo” di San Miguel

La nostra avventura nella foresta amazzonica è iniziata all’ alba, nella cittadina fluviale di Nauta, a 50 km da Iquitos, Perù. Ah, dimenticavo, qui non ci sono strade collegate al resto del paese,quindi per raggiungere Iquitos ci sono 2 possibilità: prendere un aereo o navigare il fiume per parecchi giorni. Abbiamo raggiunto il piccolissimo “pueblo” di San Miguel (300 anime), a bordo di un’ imbarcazione e qui abbiamo alloggiato nel lodge di Gerson, che insieme alla sua famiglia allargata lo gestisce con grande passione e attenzione per il turista.

IMG_6707.JPG
Curuhuinsi Lodge

L’ impatto con il paesaggio è molto suggestivo, neanche a dirlo: la strada principale è il Rio delle Amazzoni e le strade secondarie i suoi affluenti, alcuni dei quali per niente piccoli. Si naviga a pelo dell’ acqua, ci addentriamo nei affluenti più stretti, la sensazione è piacevole e si percepisce l’ avventura del viaggio, farfalle di ogni colore ti accarezzano il corpo, ma il caldo e le zanzare non tardano a farsi sentire! Il famoso Autan, qui non fa molto effetto!

IMG_6734
Incontri sul Rio

Fin da subito la nostra guida Hilde, nativa del posto, appassionata e preparata ci permette con il suo occhio esperto di avvistare ogni genere di animale, svariate specie di uccelli tra i quali spiccano certamente il tucano, i pappagalli gialli e blu che “viaggiano” sempre in coppia, le aquile, il martin pescatore, più di 5 varietà di scimmie, iguane, un bradipo sonnacchioso sulle cime di un albero..

IMG_6812
Pappagalli
IMG_7006
Scimmia
IMG_6789
Iguana
IMG_6771
Scimmia

I giorni scorrono rapiti, le cose da fare sono tante come per esempio conoscere alcune delle varietà di piante che vengono usate a scopi medicinali, pescare pirana con una canna rudimentale ma molto efficace o visitare la palude con piante acquatiche giganti.

IMG_7302
Marco alle prese con un pirana
IMG_7066
Piante acquatiche giganti

Il momento più avventuroso è stato quando, appena calato il sole ci siamo addentrati a piedi nella foresta armati solo di una piccola torcia. La sensazione era quella della vulnerabilità, completamente dipendenti dalla guida ma soprattutto dalla natura. Qui abbiamo potuto vedere tarantole, serpenti, rane giganti e caimani sulle rive del fiume; ma al di la degli avvistamenti quello che ti sorprende è la sensazione di imponenza dell’ ambiente circostante.

IMG_7181
Hilde e una tarantola
IMG_7193
Serpente

Assistiamo ad albe dai cieli infuocati e tramonti che disegnano opere d’ arte nel cielo. In questi posti al confini del mondo ti rendi conto veramente di quanto la natura sia una forza generatrice.

IMG_7245
Alba sul Rio delle Amazzoni
IMG_7154
Tramonto alla ricerca di delfini rosa

Nel paesino di San Miguel, la vita scorre seguendo due grandi padroni: il fiume e il sole. Pochi hanno l’ enegia elettrica,  per non parlare di televisione, telefono e tanto meno internet. Nonostante questo si ha la sensazione di essere in una comunità serena e completamente in armonia. La gente vive di pesca e di agricoltura, una vita semplice ma nello stesso tempo dura, fatta di persone che forse non sapranno mai quello che c’ è “fuori”. Non potrò mai dimenticare il sorriso di Valentina e il suo entusiasmo nel vedere la mia macchina fotografica, il talento e la grinta dei ragazzi del posto nel giocare calcio e la tranquillità con cui ognuno accetta questa vita che si è praticamente obbligati a vivere.

IMG_7124
Campo da football
IMG_7115
Il sorriso di Valentina

Ora siamo pronti per lasciare il Perù, un paese meraviglioso, e attraversare il confine con la Colombia sul magico Rio delle Amazzoni.

 

Per chi fosse interessato questo è il sito a cui ci siamo rivolti a Gerson  www.curuhuinsitours.com

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...