Cartagena de Indias: i colori del “Caribe” colombiano

Cartagena de Indias è una delle città colombiane più grandi, si affaccia sul mar dei caraibi ed è sicuramente la meta più turistica del paese.

La richezza storica di questa deliziosa città coloniale è il risultato dell’ incontro tra gli abitanti indigeni del caribe colombiano con i colonizzatori spagnoli e con gli schiavi africani (Cartagena era l’ unica città autorizzata, insieme a Veracruz, al commercio degli schiavi). Questa mescolanza di culture e tradizioni differenti, rende Cartagena la città che è ora, allegra, vivace e ricca di contraddizioni.

Le contraddizioni più grandi si percepiscono appena fuori dalla zona turistica, dove, causa uno sviluppo rapido e incontrollato vive la parte più povera della popolazione, e il senso di sicurezza svanisce molto rapidamente. Il mio consiglio è quindi quello di evitare queste zone!

Cosa vedere a Cartagena

La città “amurallada” (la città all’ interno delle mura)

Romantica, colorata ed elegante, caratterizzata principalmente dalle sue stradine acciottolate e dai suoi edifici storici con i balconi fiorati, durante il giorno è pigra e sonnacchiosa, complice anche il fortissimo caldo, la sera si anima di gente seduta nei suoi caffè all’ aperto, il centro storico di Cartagena è una cartolina in ogni angolo la si guardi.

img_0374
Scorcio della città, in lontananza la Cattedrale

img_9734
Le strade colorate di Cartagena

La figura iconica per eccellenza è la “palenquera” una donna di origine africana, vestita con abiti tradizionali con un enorme cesta di frutta tropicale sulla testa (è in vendita sia la frutta e sia la foto che vorrete scattarle). Tanto romantico per quanto turistico è il giro in carrozza che vi permetterà di scoprire ogni angolo della città anche se io preferisco sempre esplorare la città a piedi.

img_9702
Palenquera

vertic_880_0
Carrozza al tramonto

Da non perdere il tramonto passeggiando sopra le mura o gustando un cocktail dal Cafè del Mar, una cena romantica in uno dei tantissimi ristorantini nel barrio San Diego e il gelato alla Gelateria Tramonti, a pochi passi dalla cattedrale.

img_9791
Cartagena by night

Getzemanì

A poche centinaia di metri dalla città vecchia, uscendo attraverso la Torre del reloj si arriva nell’ quartiere di Getzemanì, ritrovo di giovani e di  backpakers, dall’ atmosfera autentica e bohemien.

La Piazza della Trindad è l’ anima del quartiere, la sera è gremita di ragazzi e di bancarelle con succulento cibo di strada. Anche lo street art è molto in voga, gli artisti sono liberi di esprimersi e creare graffiti incredibili che donano un’ anima al quartiere. Per gli amanti della salsa e dei moijto, non perdetevi una serata scatenata al Cafè Havana e se avete intenzione di raggiungere Panamà, è qui che si trova l’ agenzia Blue Sailing che organizza il viaggio in barca a vela.

A Getzemanì non mancano bar e ristoranti, certamente molto più a buon mercato rispetto alla città vecchia. Questo è anche il quartiere adatto per soggiornarvi, ci sono più di 50 ostelli e anche splendidi hotel boutique.

img_0337
Street art a Getzemanì

IMG_0335.JPG
Getzemanì

Bocagrande

Prima di arrivare a Cartagena non avevo mai visto una città dove il contrasto tra antico e moderno fosse cosi netto: dall’ interno della città vecchia si possono vedere i grandi grattacieli di Bocagrande.

img_9787
Bocagrande vista dalle mura

BocaGrande è la voglia di dare quel tocco di moderno a una città che, secondo me, non ne aveva bisogno.   Non c’ è molto da vedere: due centri commerciali, hotel e ristoranti di lusso e le uniche spiagge della città, che parliamoci chiaro, sono orribili!

img_9745
Spiagge di Cartagena

Da Cartagena è possibile organizzare le escursioni alle isole del Rosario e alla isola Barù. Io sono stata esclusivamente a Paya Blanca dell’ isola Barù (la chiamano isola ma in realtà è collegata alla terra).

Le opzioni per arrivare sull’ isola Barù sono due: via terra e via mare. Vi consiglio spassionatamente la prima, visto che il viaggio dura circa un’ ora ed è la soluzione più economica. A playa Blanca si può dormire in capanne di legno spartane vista mare, mangiare pesce alla griglia e fare sport acquatici.

20160801_130921
Playa Blanca – Isola Barù

E’ sicuramente una buona opzione per sfuggire dal caldo giornaliero di Cartagena.

Cartagena vi incanterà. Vi incanterà per la bellezza dell’ architettura coloniale, per la sua vita notturna e perchè è una incredibile esplosione di colori!

 

Annunci

3 commenti Aggiungi il tuo

  1. wwayne ha detto:

    E io sono rimasto incantato dal tuo post, come sempre! 🙂

    Mi piace

    1. Lady-Explorer ha detto:

      Grazie 😀 troppo gentile!!!!

      Mi piace

      1. wwayne ha detto:

        Grazie a te per la risposta! 🙂

        Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...